top of page
Search

Donare ad ALYN significa sostenere Israele in prima linea


Ormai lo sappiamo: visitare ALYN è un’esperienza che può trasformare la nostra vita, ma qualcosa è inevitabilmente cambiato per l’ospedale da quel tragico 7 ottobre che ha stravolto la vita di ogni abitante di Israele. Ce lo racconta Deborah Rivel, che si occupa della comunicazione degli American Friends di ALYN Hospital. Un’esperienza che vogliamo condividere con voi. 





Quando ho visitato l'Ospedale ALYN qualche settimana fa, sono andata con l’idea di rispondere anche ad una domanda che mi viene posta molto spesso dai membri degli amici di ALYN USA: "Cosa è cambiato nell’ospedale dal 7 ottobre?”

La risposta l’ho avuta in diversi incontri personali con i responsabili dei dipartimenti di ALYN. Tutti hanno condiviso con me storie su come hanno dovuto adattarsi inaspettatamente a una nuova situazione. Molti membri dello staff di ALYN sono stati chiamati come riservisti per il servizio militare, altri avevano coniugi e partner che sono dovuti correre al fronte e, tra i numerosi dipendenti arabi dell’Ospedale, diversi avevano familiari che vivevano a Gaza.

Di fronte alla tragedia la lunga storia di ALYN come promotore e modello di convivenza culturale è stata messa alla prova. Mentre tutti lavoravano per supportare i dipendenti e mantenere una fragile armonia, molti dipartimenti non erano sicuri di quale fosse il corretto atteggiamento da tenere. L'amministrazione si è mossa rapidamente per stabilire linee guida, che prevedevano anche un linguaggio e un comportamento appropriati e ha istituito o applicato regole destinate a limitare possibili tensioni.

Quello che mi ha colpito di più è scoprire la natura di alcuni dei casi che i terapisti e i medici hanno dovuto vedere dall'inizio della guerra. Anche se non è stato possibile trattare direttamente i bambini attaccati nelle comunità al confine con Gaza il 7 ottobre, o quelli feriti nel nord di Israele, sotto il costante fuoco di Hezbollah, ho iniziato a capire quanto ALYN sia vicino ad essere una struttura in prima linea. Il lavoro che viene svolto lì ogni giorno per curare bambini e soldati colpiti dalla guerra rende questa struttura di fatto vicino al fronte.

Ad esempio, ALYN deve fare i conti con lo stress della guerra e la paura e l'ansia che ha creato ha comportato un aumento dei pazienti nella propria Clinica di Riabilitazione Alimentare i cui disturbi sono stati esacerbati dall'aumento dei livelli di stress. Allo stesso tempo sono aumentati i soggetti che si sono rivolti al dipartimento PELE per qualche condizione fisica funzionale (cioè dolore, paralisi) senza una causa organica, ma solo per stress emotivo. Anche se la causa principale è psicologica, è stato dimostrato che una terapia efficace deve essere sempre una combinazione di lavoro sulla salute mentale e riabilitazione fisica. Data l'approccio olistico di ALYN, un bambino con disturbo può ricevere tutti i servizi necessari in un unico posto.

Ancora più vicino al lavoro in prima linea sono i servizi che ALYN e il team di PELE stanno fornendo ai soldati che sono stati feriti e mutilati durante le ostilità. I terapisti di ALYN hanno inizialmente collaborato con il Sheba-Tel HaShomer Medical Center e ora con l'Hadassah Hospital per trattare i soldati ricoverati nei reparti di riabilitazione di queste strutture.

Uno dei miei ultimi incontri è stato con la Dott.ssa Maurit Beeri, Direttore Generale dell'Ospedale ALYN. Le ho chiesto quale messaggio vorrebbe che portassi alla nostra comunità di donatori. Ha detto: "Se vuoi sostenere Israele a lungo termine, devi sostenere le istituzioni che sono la spina dorsale della Nazione". Indubbiamente ALYN è tra queste: con il suo lavoro ha alzato gli standard delle istituzioni sanitarie e di tipo assistenziale in Israele. Siate certi che quando donate ad ALYN, state investendo in un'istituzione di livello mondiale che non solo fornisce cure eccezionali ai bambini con disabilità, ma incarna anche lo spirito resiliente e l'innovazione che guideranno i successi futuri di Israele.



3 views

Yorumlar


bottom of page