top of page
Search

Dai bambini ai soldati: il duro lavoro di Nurit, fisioterapista di ALYN


Sono trascorsi ormai più di 100 giorni dal brutale attacco di Hamas al popolo israeliano. Tra gli uomini e le donne che combattono per la sopravvivenza di Israele, ci sono tanti i civili che stanno contribuendo in modo straordinario agli sforzi del loro paese in guerra.

Una di queste è Nurit Stern, fisioterapista dell'ALYN Hospital con molti anni di esperienza, che è stata assegnata al Centro Medico Sheba-Tel HaShomer di Tel Aviv, per aiutare il personale dedicato alla riabilitazione, sovraccarico di lavoro per l’arrivo di decine di soldati feriti che giungono dal fronte. Nurit passa metà della sua giornata a fare fisioterapia ai soldati e l'altra metà a lavorare nel reparto geriatrico, sostituendo il personale che è stato trasferito per lavorare con i soldati o che è in servizio nella riserva dell’IDF. 

"Il numero dei soldati feriti ricoverati al Tel Hashomer ci ricorda la dura realtà della guerra. Le ferite di ogni soldato e l'impatto sulle loro famiglie suscitano in me un misto di emozioni. Sebbene trovi grande soddisfazione nel mio lavoro, è impossibile ignorare le lacrime e la tristezza che lo accompagnano.

 I soldati che seguo hanno subito ferite da arma da fuoco, ferite da schegge e impatti da esplosione. Si tratta di lesioni complesse che comportano vari danni ortopedici, ai tessuti molli, ai nervi e ai vasi sanguigni. Rispetto alla mia esperienza in ALYN, devo affrontare problemi differenti.  La maggior parte dei soldati sono giovani adulti che svolgono il servizio militare obbligatorio. Ciò che li distingue dai bambini è la loro incrollabile determinazione e ambizione a sottoporsi alla terapia, anche di fronte al dolore. Ci sono più opportunità di affrontare il loro benessere mentale, come l'ansia per il dolore, attraverso tecniche terapeutiche come la spiegazione dell'anatomia delle lesioni, dei meccanismi di recupero e l'uso di dimostrazioni nella pratica".

Per Nurit, il trattamento dei soldati è qualcosa che sente molto personale: anche lei ha dei figli che stanno prestando servizio in guerra. È logico che si senta molto coinvolta in questo nuovo ruolo: "Ad ALYN lavoro con molti bambini che hanno vissuto tragedie improvvise, come un incidente stradale o un cancro, così ho imparato a sviluppare meccanismi di difesa che mi aiutano a sopprimere la paura che tali disastri accadano ai miei figli. Tuttavia, quando si lavora con i soldati, soprattutto se si considera che i miei ragazzi sono attualmente in servizio nelle riserve, la paura diventa maggiore. Scelgo di non condividere questa paura con loro, ma è sempre presente nella mia mente. È una lotta costante per trovare un equilibrio tra le mie emozioni personali e le mie responsabilità professionali".

Naturalmente, Nurit non ha dimenticato i suoi pazienti speciali che continuano la loro riabilitazione all'ALYN.

"Continuo a partecipare, a distanza, alle nostre riunioni settimanali del personale per discutere di ogni singolo bambino ricoverato che si sottopone a terapia fisica all'ALYN Hospital. Mi sento privilegiata ad avere il pieno supporto dell'intero team di fisioterapia di ALYN, alcuni dei quali mi sostituiscono quando non posso essere presente”.

9 views

Recent Posts

See All
bottom of page