Search
  • amicidialyn

Amici di ALYN: Piergiorgio Segre è il nuovo Presidente


Ci sembra giusto inaugurare la sezione News del nuovo sito con una notizia recente che costituisce una tappa importante nella storia degli Amici di ALYN: l’Associazione ha nuovo Presidente e un nuovo Consiglio Direttivo.


L’Assemblea dei Soci si è svolta on line il 23 marzo ed è stata, infatti, un momento significativo per gettare le basi per i programmi futuri e per rinnovare i vertici dell’Associazione. Il nuovo Presidente eletto dal nuovo Consiglio è Piergiorgio Segre, imprenditore milanese da lungo tempo in prima linea nell’Associazione che sostiene questa realtà d’eccellenza nel campo della cura e della riabilitazione di bambini e ragazzi. Insieme a lui, il Consiglio sarà formato da Antonella Jarach e Sara Tedeschi Blei. “Cercherò insieme al Consiglio di fare il massimo per sostenere la nostra Associazione e aiutare l’ospedale come merita”, ha dichiarato Piergiorgio Segre nell’accettare la presidenza.


L’incontro si è aperto con i saluti di Maurit Beeri, Director-General di ALYN Hospital, che ha illustrato i progressi della struttura e in particolare di ALYNnovation, la divisione in cui la partecipazione attiva delle aziende si traduce in soluzioni innovative per i piccoli pazienti. Da Gerusalemme sono arrivati anche i ringraziamenti di Brenda Hirsch, Director Resource Development di ALYN, che ha elogiato l’impegno dell’Associazione italiana nella raccolta fondi.


Le sue parole hanno introdotto Piergiorgio Segre a tracciare un veloce quadro del bilancio 2020: “Nonostante non sia stato possibile realizzare nessun tipo di evento, lo scorso anno abbiamo comunque inviato all’Ospedale più di 100.000 Euro, provenienti da tantissimi donatori”. Piergiorgio Segre ha annunciato anche la digitalizzazione del database e un progetto di comunicazione che prevede un nuovo logo, un nuovo sito e più presenza sui social. L’obiettivo finale è quello di coinvolgere sempre più persone nella missione di ALYN per fare in modo che i piccoli pazienti che ogni giorno ricevono le cure in questo ospedale possano tornare a giocare, studiare, vivere.

10 views0 comments